• Rieducazione Posturale Globale (RPG)...che cos´è


Rieducazione Posturale Globale (RPG)...che cos´è


"Unico e indivisibile sul piano psicosomatico, L´UOMO E´ UN TUTTO, articolato attorno ad una struttura muscolo-scheletrica che determina le forme e protegge le funzioni". (P.Souchard)

La Rieducazione Posturale Globale, abbreviata in R. P. G. è una metodica di riarmonizzazione e di riequilibrio della macchina muscolo-tendinea che è stata sviluppata in Francia dal prof. Philippe Souchard nel 1981 e diffusa con la pubblicazione del libro Le camp Clos (Il campo chiuso). 
Dopo una prima valutazione che ha lo scopo di individuare la causa del sintomo, il trattamento consiste nell’assumere e mantenere determinate posizioni per tempi protratti, utilizzando posture di stiramento progressivo attivo dei muscoli antigravitari. Vengono inoltre associate  tecniche respiratorie con la finalità di ottenere maggiore beneficio in quanto  il buon funzionamento dei muscoli respiratori e del diaframma sono necessari per un buon equilibrio.
Questi due meccanismi vengono utilizzati dal paziente sotto la supervisione del terapista che da indicazioni per coordinare i vari movimenti. Ogni seduta di R.P.G. richiede quindi una fondamentale partecipazione attiva da parte del paziente che dovrà cercare di assecondare quello che richiede il terapista durante lo svolgimento degli esercizi e comunicare eventualmente le sensazioni avvertite. Nell’arco della seduta il terapista cercherà di risvegliare le condizioni che risvegliano in parte la sintomatologia del paziente per poi attenuarla attraverso manovre controllate e dolci.
I tre principi dell’RPG sono:
Individualità – ogni individuo è unico e assume adattamenti posturali diversi per cui la tecnica non può essere standardizzata ma si adatta a ciascuna persona.
Causalità – non si focalizza il trattamento sul sintomo ma risalendo alla causa ed eliminando tutti i compensi che l’individuo ha protratto nel tempo.
Globalità – al fine di ripristinare l’equilibrio, è necessario lavorare su tutto il corpo e le sue catene cinetiche attivamente.  Non si scinde un arto dal resto del corpo.

Per quali disturbi è indicato l’RPG?
•    Portatore di algie (dolori) vertebrali cronici o acuti di origine reumatologica o traumatica (ex. Spondilartrosi, ernia del disco etc.)
•    Dolori e patologie articolari degli arti superiori e inferiori (ex. coxartrosi etc.)
•    Contratture muscolari – Squilibri vertebrali ed eventuale sintomatologia (ex. Ipercifosi, lordosi e scoliosi etc.)
•    Disfunzioni respiratorie – Postumi di traumi e malattie neurologiche
•    Deviazioni e deformazioni ortopediche nell’adulto e nell’adolescente (ex. Piedi piatti, cavi; ginocchio valgo o varo etc.)
•    Ripercussioni sullo schema corporeo dovute ad alcune malattie psicosomatiche.
•    Riequilibrio muscolare dello sportivo
•    Preparazione al parto L’R.p.g. è destinata a tutti gli individui, sia nella prevenzione che nella cura: l’aspetto individuale e progressivo di questo metodo permette di adattarlo a ciascun caso.
•    I bambini, a partire dall’età di otto anni, ne traggono un largo beneficio in funzione di una miglior coscienza dell’immagine e dello schema corporeo; e così gli adulti che, pur in assenza di dolori o altri sintomi, vogliono ottenere un miglior equilibrio e vivere in armonia con il proprio corpo.

Dott. De Paola Dennis
Fisioterapista
Registrato all’Associazione Nazionale RPG
#fisio33
Ravenna 33